Pandemia: Una nuova sfida

Ogni anno si sa che il mondo è sotto attacco da alcuni nuovi virus, malattie o batteri più o meno conosciuti. Con Pandemic però starà a noi riuscire a curarle e debellarle sul nascere o lanciare l’umanità verso l’estinzione!

Se hai mai avuto pensieri simili, sappi che possiamo tentare di salvare il mondo dall’estinzione pandemica senza dover mai lasciare i nostri tavoli da gioco.

In pandemic, disegnato da Matt Leacock, i giocatori prendono il ruolo di specialista di arresto del virus cercando di salvare il mondo da quattro malattie mortali.

Pandemic è un gioco cooperativo perfetto per combinazioni di 2-4 giocatori e della durata di circa 60 minuti a partita

Per le regole ufficali, descritte da Asterion, rimandiamo al PDF pubblicato sul sito ufficiale!
Pandemia: Regole ufficiali

Pandemia il gioco: Gameplay

Pandemia-nuova-sfida-copNel mondo di pandemic, ci sono quattro ceppi di virus diversi che minacciano di distruggere la vita come lo conosciamo. Il gioco inizia con i giocatori che si trovano presso la sede CDC di Atlanta con nove delle principali città del mondo che già hanno epidemie di diversa natura. I giocatori devono muoversi intorno al tavolo e utilizzare le loro azioni per curare questi ceppi. Per rendere le cose peggiori, le malattie di ogni giocatore dovranno iniziare a svilupparsi in altre città o, forse, peggiorare nelle città già infette. Con il passare del tempo, le epidemie saranno sempre più frequenti e i giocatori dovranno collaborare e coordinare le proprie mosse per spuntarla.
I giocatori devono bilanciare mantenendo le malattie sotto controllo con la ricerca delle cure prima che il tempo scada. Se i giocatori sono in grado di curare tutte le 4 malattie nel tempo e mantenere i focolai sotto controllo, vinceranno il gioco. Se no, il mondo sarà distrutto e sarà tutta colpa loro!.

Pandemia: Come giocare

All’inizio del gioco, ogni giocatore assume un ruolo specifico. Questi ruoli hanno abilità speciali che consentono ad ogni giocatore di essere unico e specializzato per aiutare in situazioni diverse che si presentano durante il gioco. Questo aggiunge tonnellate di varietà alla strategia di gioco e aiuta il valore di riproduzione. Ci vorranno diverse strategie per vincere con diversi ruoli nel gioco. I giocatori selezionano anche nove carte della città per decidere quali città avranno cubi di malattia su di loro quando il gioco inizia.

Il gameplay si divide in 3 fasi specifiche. Vediamole:

  1. Le 4 azioni del giocatore

La prima fase. In questa fase i giocatori sono in grado di fare una serie di cose diverse che costano una delle loro azioni. In primo luogo, c’è il movimento sul tabellone di gioco. Ciò avviene spostando un giocatore tra le città adiacenti l’uno all’altra o giocando carte giocatori per spostarsi in città specifiche. Ciò consente ai giocatori di essere in grado di muoversi velocemente per affrontare nuove aree problematiche quando sono in gioco. Possono anche dare carte ad altri giocatori, trattare le malattie rimuovendo i cubi accumulati in una città, persino trovare una cura di una malattia se dispongono di abbastanza carte corrispondenti a colori. Queste azioni permettono ai giocatori di tenere controlalta la minaccia del virus mentre si cerca di trovare una cura. I giocatori avranno decisioni difficili da fare durante il loro turno su come utilizzare le loro azioni limitate. Le 4 sole azioni in un turno non sembrano mai essere sufficienti!

  1. Pesca di 2 carte città

Finita la fase azione il gocatore pesca le carte città. Quese carte risultano findamentali per curare le malattie. Ci sono anche carte speciali evento mescolate in questo mazzo che danno ai giocatori uniche possibilità di strategie da utilizzare nel corseo della partita. Il gioco mette un limite di sette carte che si pososno possedere,  il che obbliga i giocatori a prendere decisioni difficili sulle carte da mantenere durante il gioco.

Le carte rappresentano anche un elemento del tempo nel gioco. Se i giocatori non sono in grado di curare tutte e quattro le malattie prima dell’esaurmento delle carte città, i giocatori perdono il gioco. I giocatori infatti devono essere il più efficienti possibile e spostarsi rapidamente per curare e contenere il virus attraverso la strategia.

C’è un altro tipo di carta in questo mazzo, la temuta carta empidemia. Queste carte sono la carta shock di tutti i giocatori. Ogni volta che viene estratta una di queste carte, viene scelta una città dal fondo delle carte contaminazioni e quella città guadagna tre cubi di infezione. Quella carta, così come tutte le altre carte nel bacino di scarto, vengono riorganizzate e poste in cima al ponte della città. Ciò significa che le città che sono state estratte di recente potrebbero tornare a essere contagiate molto rapidamente.
Questo tipo di meccanismo è veramente geniale: lasciando le carte estratte sulla parte superiore del mazzo avremo che riestrarremo sempre prima queste carte. Questo a suo volta significa che le epidemie sfoceranno con sempre maggiore forza e frequenza nelle città di partenza, per poi espoandersi solo successivmente alle altre… Proprio come in una pandemia vera!

  1. Pesca carte contaminazione

A questo punto i giocatori pescheranno le carte contaminazione. Quando una carta contaminazione viene pescata in questa fase, quella città riceve un cubo per rappresentare che l’infezione è nata – o peggiorata -. Se non ci sono più cubi di quel colore per il tipo di malattia, i giocatori perdono. Questo meccanico di gioco obbliga i giocatori a prendersi cura di ogni tipo di malattia in quanto c’è il rischio che una malattia sfoci su troppe città e non sia più controlabile (ossia finiscono i cubi del mededimo colore). Se hanno posto più di tre cubi in una città, si accende un focolaio. A otto focolai, si perde il gioco. Inoltre ogni città adiacente ad un focolaio riceve un cubo e se una di quelle città ora è a quattro cubi, si verifica un altro focolaio. I giocatori devono assicurarsi di eliminare le aree come il gioco continua, in quanto questi episodi di reazione a catena possono causare la perdita del gioco molto rapidamente.
I giocatori continueranno a completare queste tre fasi finché i giocatori non hanno curato tutte e quattro le malattie e hanno vinto il gioco o il gioco li ha battuti nei modi sopra descritti!Pandemia-nuova-sfida-2

Pandemia: L’esperienza di gioco

Pandemic è uno dei collaborativi per eccellenza. Ammetto che mi ha stupito. Avevo sempre giocato partite dove c’era un vincitore chiaro e il pensiero di giocare una partita in cui tutti noi vinciamo o perdiamo era intrigante.

Giocare come squadra, lavorare insieme e affrontare le crisi coordinando gli sforzi è stimolante e accattivante.

Tuttavia, solo perché un gioco è co-op non significa che sia un bene. Fortunatamente per noi, Pandemia è un gico riuscitissimo ed equilibrato.

Con tutti che dicono le loro opinioni su cosa i giocatori dovrebbero fare al loro turno e cercando di decidere il miglior corso d’azione c’è molta discussione durante il gioco. C’è anche il potenziale problema che una persona diventando il leader possa prendere le decisioni per il turno di tutti, ma nella mia esperienza ho scoperto che le persone hanno empre lavorato insieme per vincere il gioco.
Ogni volta che si gioca a Pandemic è sempre diverso. Diverse città sono infette, si gioca un ruolo diverso e le carte epidemiche aggiungono alla longevità del gioco. Questo è qualcosa che valuto molto perché alcuni giochi cooperativi possono diventare poco longevi e ripetitivi. Penso che questo sia il fattore definitivo del motivo per cui mi piace tanto questo gioco. Non sai mai cosa aspettarti e solo quando pensi di avere sotto controllo le cose, il gioco fa scoppiare un’altra crisi. E quando lo fa, è dura combatterla!

Altra cosa che bisogna sapere è che all’inizio è veramente difficile battere il gioco. Le regole si capiscono in fretta, ma i “trucchi” per tenere sotto controllo il gioco, come per esempio concentrarsi sulla cura e non sul debellare definitivamente le malattie, si imparano col tempo.

All’inizio quindi sarà quasi impossibile vincere, ma questo stimola enormemente a giocare un’altra partita!

La pandemia è implacabile nell’assalto contro i giocatori. Il turno di ogni giocatore viene speso per tentare di placare i ceppi iniziati durante la fase infettiva del giocatore precedente. Anche dopo che un giocatore riuscirà a contenere uno scoppio, si dovranno ancora infettare un altro paio di città nel turno successivo, in modo da non interrompere l’azione.
Quando dico che questo gioco è difficile, non sto scherzando. Ho vinto forse il 30% delle partite che ho giocato. A volte la pandemia ti farà passare un falso senso di sicurezza prima di girarsi e colpirti in faccia! I giocatori devono assolutamente lavorare insieme per curare queste malattie.Pandemia-personggi

Questo gioco colpisce anche per la forte sinergia tematica. C’è qualcosa di estremamente soddisfacente vedendo che la malattia che inizia a rafforzarsi e tu e il tuo team che dovete interromperlo. Ti senti come se il mondo si stesse rompendo e noi fossimo gli unici a poterlo salvare. Nella maggior parte delle partite, si è sul filo del rasoio tutto il tempo. Ma proprio per questo Pandemia è un titolo che appassiona tanto.

Pandemia: Conclusioni

Pandemic è innegabilmente una pietra miliare fra i cooperativi dei giochi da tavolo.

Ci sono tonnellate di complessità e variabilità che rendono questo gioco una gioia da giocare. La complessità è nelle strategie necessarie per vincere. Le regole in realtà sono abbastanza facili da imparare. Ho giocato con molti amici non giocatori e nessuno ha avuto problemi a capire il gioco. Le azioni di turno sono semplici e intuitive. E con un tempo di circa un’ora (o meno se sei sfortunato), puoi riuscire a farti anche una fila di partite se continui a perdere ( quacuna di  meno se riesci a vincere: ovviamente durerà di più).
Ma quando perderai non la prenderai bene: vorrai a tutti i costi tornare a sfidare il gioco, che ha osato sbatterti in faccia l’inutilità delle tue strategie!

Quindi sì, non è facile vincere le partite, ma questa è assolutamente un aspetto positivo invece che negativo. Ogni volta che giochi, sentirai la tensione che preme su di te, perché le scelte non s possono ritrattare. Questo è il vero punto vincente di un gioco cooperativo. Se il gioco fosse troppo facile, i giocatori non avrebbero la motivazione a coordinarsi e impegnarsi al fine della vittoria. Dal momento che non c’è un giocatore opposto, un gioco di cooperazione deve essere molto ben fatto per mantenerlo equilibrato. E Pandemic è veramente ben fatto.
Infatti, nonostante la mia scarsa percentuale di vittorie, è l’esperienza di cercare di salvare il mondo che mi porta a tornare e a sfidare il gioco. È vero dunque che forse non si vince spesso. Ma essendo un collaborativo, quando vinciamo, è sempre un trionfo che vale la pena ricordare!

Insomma, tra il tema immersivo, la crescente difficoltà e il lavoro di squadra unico, Pandemic risulta, veramente, uno fra i migliori giochi da tavolo cooperativi. Di sempre. Pandemia-nuova-sfida-4